Contenuto principale

Messaggio di avviso

salute

Monitoraggio svolto dai cittadini in collaborazione fra Cittadinanzattiva, Agenzia di valutazione civica, Agenas, Assessorato alla Sanità della Regione Piemonte.

L’esercizio della cittadinanza attiva si concretizza nel dialogo, confronto, e anche conflitto con gli interlocutori (istituzioni, sindacati, mezzi informazione).

Si definisce empowerment un processo cognitivo in forza del quale un soggetto in condizioni di debolezza diventa consapevole di poter esercitare le proprie prerogative di cittadino. L’empowerment riguarda sia individui che soggetti collettivi o intere comunità. L’effetto dell’empowerment è nel fatto che il soggetto comincia a esercitare le proprie prerogative: “Ce la posso fare e quindi lo faccio” (Cittadinanzattiva, Fondaca).

L’empowerment è un processo dell’azione sociale attraverso il quale le persone, le organizzazioni e le comunità acquisiscono competenza sulle proprie vite al fine di cambiare il proprio ambiente sociale e politico per migliorare l’equità e la qualità di vita (Agenas, Rappaport).

Da molti anni Cittadinanzattiva Piemonte collabora con Agenas e da sempre, da bravi “bugia nen” stiamo portando avanti progetti sperimentali che vengono poi allargati al resto d'Italia!

Nel 2012 partecipiamo alla sperimentazione del monitoraggio sull'umanizzazione nelle strutture ospedaliere, mettendo sotto esame le Molinette e il San Giovanni Bosco.

Nel 2014, in tredici ospedali, altrettante gruppi di lavoro misti di operatori e volontari hanno valutato il livello di umanizzazione e sono stati predisposti (o si stanno completando) programmi condivisi di adeguamento per l’eliminazione delle criticità.

Nel 2015 la valutazione viene estesa a tutte le strutture piemontesi sia come monitoraggio delle strutture che come programmi condivisi di adeguamento per l’eliminazione delle criticità rilevate precedentemente.

I direttori generali devono adottare i piani elaborati dalla equipe.

Le operazioni regionali sono coordinate da una Cabina di regia con la presenza di Cittadinanzattiva.

Nei gruppi di lavoro i cittadini e gli operatori lavorano volentieri insieme e pensano di fare qualche cosa di importante.

Quindi siamo passati dalla sperimentazione del 2012 alla applicazione a tutto campo del 2015 e continueremo nel 2016-17 con l'esame congiunto dei piani di miglioramento e il controllo della loro applicazione, cercando di coinvolgere più cittadini e associazioni di volontariato possibili.

Quindi “tutti insieme” al lavoro!

Data 2016-08-01
Dimensioni del File 5.6 MB

Data 2016-08-01
Dimensioni del File 452.03 KB