Contenuto principale

Messaggio di avviso

TerzaConferenzaSanitaComunita

DALLA SANITÀ VISIBILE ALLA SANITÀ INVISIBILE:

grandi rischi e grandi opportunità, quali spazi per le comunità locali?

18 marzo 2017 - Sala conferenze Federfarma Via Galliari 10a Torino

Da tempo Cittadinanzattiva del Piemonte ritiene che l’empowerment delle comunità locali sia una  condizione indispensabile per il mantenimento della universalità e della sostenibilità dei sistemi sanitari. Per questo motivo, a partire dal 2014, in collaborazione  con la Scuola di igiene e medicina preventiva. dell’Università di Torino, organizza una Conferenza annuale “Sanità e comunità locali”, come luogo confronto fra i cittadini dei diversi territori regionali e i responsabili istituzionali e professionali. Nelle edizioni finora  celebrate, sono stati messi a fuoco i temi della rete integrata dell’emergenza urgenza, del miglioramento partecipato dell’umanizzazione degli ospedali e dei percorsi di personalizzazione dei trattamenti dei malati cronici, oncologici e non autosufficienti, fondati  sui PDTA e sui  Piani di assistenza individuale. Le raccomandazioni finali hanno trovato importanti riscontri come l’adozione della Carta dei diritti al pronto soccorso e l’adozione dei piani di miglioramento prodotti con la  valutazione partecipata nei venti maggiori ospedali del Piemonte.

Presentazione del monitoraggio nazionale sullo stato e sul funzionamento delle mense scolastiche.

La rete Scuola di Cittadinanzattiva da anni si occupa non solo di sicurezza degli edifici scolastici e di cultura della sicurezza ma anche di corretta alimentazione, benessere, sprechi alimentari, comportamenti violenti a scuola, corretti stili di vita. In diverse edizioni del monitoraggio “Sicurezza qualità e accessibilità a scuola”, si è affrontato il tema delle mense scolastiche analizzandone principalmente le caratteristiche strutturali e organizzative.

Quest’anno l’obiettivo è più ambizioso: realizzare un’indagine civica a tutto tondo del servizio mensa scolastica per indagare le condizioni del locale mensa, conoscere più da vicino ruoli e funzioni del personale preposto, sondare la percezione della qualità del servizio erogato da parte degli utenti, conoscere i menù proposti, misurare eventuali sprechi alimentari e il loro riutilizzo, conoscere le tariffe applicate e le agevolazioni previste per le fasce deboli, verificare il funzionamento e i risultati prodotti dalle Commissioni mense, il loro rapporto con il Comune e la ditta appaltatrice, ecc.

GLI STRUMENTI A DISPOSIZIONE

Per realizzare quanto sopra descritto, sono stati predisposti i seguenti strumenti da somministrare in ciascuna scuola primaria:

  1. griglia di osservazione dell’ambiente della mensa scolastica (laddove ci sia). Questa osservazione può essere condotta da un volontario di Cittadinanzattiva o da un rappresentante della Commissione mensa previa autorizzazione del Dirigente scolastico;
  2. questionario sulla percezione della qualità del servizio mensa rivolto ad una classe di bambini di scuola primaria (preferibilmente IV o V). La parte finale del questionario prevede che i bambini descrivano la mensa che vorrebbero con un breve componimento o con un disegno. E’ molto importante che i monitori incentivino la compilazione di questa parte, anche chiedendo la collaborazione dei docenti della classe, per far emergere indicazioni preziose da parte dei più piccoli;
  3. questionario sulla percezione della qualità del servizio mensa rivolto a 2 docenti, possibilmente della stessa classe sopra indicata e comunque tra quelli presenti durante la refezione scolastica;
  4. questionario sulla percezione della qualità del servizio mensa rivolto a 2 genitori, possibilmente i rappresentanti di classe di quella scelta come campione;
  5. questionario sulla percezione della qualità e sul funzionamento del servizio mensa, sul rapporto con l’azienda erogatrice, sulle tariffe, ecc. da sottoporre a 1 o 2 rappresentanti della Commissione Mensa, ove presente.

REPORT FINALE E PIANO DI AZIONE CIVICO

Sulla base dei dati raccolti verrà redatto un Rapporto nazionale che sarà presentato in occasione della Giornata mondiale per l’alimentazione (16 ottobre 2016).

Ove possibile, verranno realizzati anche rapporti locali sullo stato delle mense scolastiche.

Alla luce delle informazioni, dei dati e delle testimonianze raccolte, poi, verranno individuate azioni comuni da intraprendere sia al livello locale che nazionale.

Progressivamente, con la collaborazione di tutti le Commissioni Mensa coinvolte, si cercherà di mettere a punto un vero e proprio Piano di azione civico per creare un network ed avere un maggior potere di interlocuzione istituzionale.

Scuola di Cittadinanzattiva 2016